martedì 11 marzo 2008

il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce

la musica è un linguaggio universale.
non ha bisogno di spiegazioni, non necessita elaborate grammatiche, regole di coniugazione e declinazione, la musica è un'entità libera e indipendente, non si lascia afferrare e una volta che è passata lascia dentro di te una variazione che è propria solo dell'umore di chi l'ha ascoltata e del suo stato d'animo.
nessuna musica lascia indifferenti, c'è quella che martella, quella che ti ricorda il primo amore, quella che proprio non si sopporta, quella che si ama alla follia, quella che dura il tempo di un'estate o quella che non passerà mai di moda. nessuna musica, però, potrà mai essere itrappolata in alcun modo.

poi ci sono le parole, e le lingue, quelle che legano con la musica e quelle che non sono per niente musicali. già mozart e salieri litigavano per quale lingua fosse più adatta alle opere, se il tedesco o l'italiano.

io per esempio penso che l'olandese non sia una lingua proprio musicale musicale, eh. metti che poi il maestro del coro parla solo olandese, diventa pure piuttosto difficile comprendere perfettamente quello che vuole da noi coristi.

ma la musica è sentimento, è trasporto: la musica sono le sensazioni stesse che provi mentre canti, e queste sensazioni mettono in comunicazione gli uni con gli altri.

non so, forse sono io che son troppo emotivo, forse si tratta di un'illusione o di una visione troppo poetica della vita, ma resta il fatto che io, quella sensazione ce l'ho.
quella sensazione forte, fortissima che ti fa pensare: "ma se il maestro mi parla e tutti ridono, sarà che mi stanno prendendo per il culo?"

6 commenti:

AnniKa ha detto...

la perspicacia non ti manca (leggi: "sì"). ;)

michele ha detto...

@AnniKa: sono come il perspicacio sui perspimaccheroni.

AnniKa ha detto...

metti su l'acqua che arrivo.

anonimo-antonio ha detto...

diodelcielo, è una battuta di mmerda!
puorco sei insulso, lo sai?
e altrettanto insulsa è la strepa che ti asseconda!
sono indignato.

laudicignolo ha detto...

ma che è, umorismo belga??
disgustorama...

Anonimo ha detto...

la musica ti schiaffeggia. se ne frega delle briciole.

Posta un commento