martedì 15 aprile 2008

chi, io?


buongiorno.
dunque, sì, signor re, ero venuto per chiederle... come dice? maestà? sì, maestà.
dicevo, maestà, sarei veramente onorato di...
come? esatto, maestà, vengo dall'italia.
lo so, lo so, non me lo dica. beh, non è che voi state messi proprio meglio, però, eh.
come in che senso? voi avete un governo provvisorio da manco due mesi, dopo che per sei mesi non vi siete messi d'accordo, e adesso ci viene a dire che i nostri politici fanno cagare?
sì, è vero, ma non volevo dire questo... insomma, saranno pure disonesti, saranno ladri, mafiosi, incapaci, corrotti, corruttori, si modificano le leggi per risultare innocenti, però le elezioni le sanno organizzare e sanno sempre trovare un vincitore, pure a costo di durare giusto il tempo per maturare la pensione. e su questo, maestà, lasciatevelo dire, siete dei pivelli.
va bene, va bene, non c'entra nulla. andiamo avanti. volevo giusto chiederle...
sì, lo so che qui in belgio si paga una multa se non si vota, ma lei, nei miei panni, l'avrebbe fatto?
ecco, vede? e per cortesia, non ci si metta anche lei, che già mi vergogno abbastanza. comunque, dicevamo, per quella faccenda dell'asilo...
certo, sì, sono della campania.
eccheccazzo, maestà, e certo che qua la faccio la differenziata! che mi porto la monnezza da casa? e non faccia il qualunquista, su!
scusi, scusi, non volevo trascendere, abbia pazienza. comunque sì. la monnezza la separo: carta e cartone nelle buste gialle, umido nelle bianche, nelle blu la plastica e i metalli e i vuoti li rendo.
sì, sì, li tolgo i tappi, maestà...
ritornando al mio problema, dicevamo, non vorrei...
cosa ne penso dei gay? niente, maestà, che ne devo pensare? perché, lei pensa qualcosa dei vegetariani?
ecco, vede? almeno su questo un po' siamo d'accordo.
ora, se posso dire la...
chi? mussolini? no, maestà, ancora non siamo in dittatura, almeno così dicono. e poi è stato eletto, dicono, quindi minimo minimo un italiano su tre è una testa di cazzo, e almeno uno su dieci è razzista represso. per questo, maestà, dicevo della faccenda della mia richiesta, se per piacere mi fa spiegare...
che c'entra adesso? noi abbiamo il vaticano e diciamo che i belgi sono pedofili? ma no, maestà, io manco la conoscevo la storia di marsinelle, e per favore, sia gentile, io non sono come... io sono ateo, maestà, i preti mi danno il voltastomaco, e ho sempre pensato che religione e fede sono due cose distinte e separate...
siii, maestà, parlo bene, vede? als iù blift, vede? sto imparando la lingua! faccio i corsi! e non ho nulla contro... non ho mai pensato di... maestà, no, per favore, no la prego, pago pure le tasse, io... c'ho la residenza, maestà... no, su, maestà, abbia pazienza, (uè, giù le mani!) io non c'entro con tutta 'sta storia, io sono onesto (e non spingere!), sono liberale, io... (e fai piano!) non sono nemmeno sceso a votare... (ahi, mi fai male, non tirare!) per favore, maestà, no, maestà, non mi rimandi in italia, ero venuto per chiedere asilo politicooo!


10 commenti:

spora ha detto...

resisti !

michele ha detto...

@spora: è dura. e comunque condivido in pieno tutto quello che hai scritto nel tuo commento. anzi, dopo lo metto sul tumblr.
trishtess.

laudicignolo ha detto...

pensa che adesso dal belgio ti rimanderanno in Italia, ma noi nel frattempo avremo chiuso le frontiere, quindi sarai costretto all'esilio eterno nell'amichevole svizzera, dove ti braccherà il ligio Huber al grido di "Non si può esiliare qui..." e tu, novello Rezzonico, dovrai scappare cercando di non rimanere offeso, ma di brutto brutto brutto, più di quanto non sia già-

philippewinter ha detto...

...e dove hai la residenza?
(vergogna!)

michele ha detto...

@laudicignolo: come si fa a scrivere con la lingua tra i denti??? :D
eccomunque, io non scappo: emigro. tu piuttosto, terrone maledetto che porti via il lavoro ai cittadini padani, stai attento che farai la mia stessa fine, e ti manderanno nel regno delle due sicilie, dopo che avranno segato a metà l'italia da sotto il po, e connesso quel che ne rimane alla sicilia tramite ponte (da cui il nome "due suicilie")

michele ha detto...

@philippe: tra qualche giorno avrò la residenza a brussel. poi chiederò l'asilo politico, ché senza residenza non si può fare.
di cosa mi devo vergognare, scusa? non ho capito... :)

laudicignolo ha detto...

mi dispiace michele, io ho già acquisito la nazionalità padana, e tra poco sarò promosso a brianzolo, e verrò di persona a Malpensa a farti arrestare dalle camicie verdi, al grido di "Jamm bell, acchiapp' a sto terùn"

ahahah!!!


ps: mi fa morire il fatto che in belgio non si possa chiedere asilo senza avere la residenza, è una contraddizione in termini... quindi sicuramente un modello da adottare anche qui...

michele ha detto...

@laudicignolo: scusa, mi sono espresso male. l'asilo politico lo si può chiedere sempre, la residenza mi serve perché poi voglio chiedere la cittadinanza...

philippewinter ha detto...

non sei sceso a votare. (o mu nsunnai?)
e vergognati, comunque.

michele ha detto...

@philippe: mi vergogno, ma solo parzialmente.
il fatto è che ho proprio scelto di abbandonare la nave, e non so se di questo mi posso/devo vergognare. mi vergogno più per gli italiani che lo hanno votato che per il losco figuro in sé.

Posta un commento